Tai Chi Chuan

Corsi a Bologna

 

Il Tai Chi Chuan

(La Storia. La Filosofia.)

 

Definito da alcuni "Yoga Cinese", deriva da antichissime tecniche di combattimento e arti marziali.

Movimenti lenti ed armonici che pare ebbero ispirazione dalla lotta fra due animali, il Serpente e la Gru, diventati poi uno dei simboli del Tai Chi.

 

 

 

Chang San Feng

 

Maestoso ed elegante, il Tai Chi Chuan insegna principalmente l' Equilibrio fisico e l' Armonia del corpo. Questi a loro volta danno origine e sollecitano naturalmente Equilibrio e Armonia interiore e viceversa.

Nessun pensiero e nessuna preoccupazione interferisce durante l'esecuzione del Tai Chi. La Mente si rilassa e l' Energia, fluendo libera, si diffonde in tutto il corpo che si rafforza e si tonifica.

In Cina veniva addirittura utilizzato negli ospedali per accelerare i processi di guarigione.

Adatto a tutti e a tutte le età.

 

 

Scuola Ttang - Meditazione in Movimento.

 

RILASSARSI


Ansia e tensione danneggiano il cervello, in particolare l'ippocampo, l'area di emozioni, apprendimento e memoria. Secondo una ricerca della Rosalind Franklin University di Chicago, anche un solo episodio di stress acuto rende più deboli i neuroni di questa zona del cervello, che invecchiano e muoiono più velocemente. Lo stress cronico, invece, rende la mente abitudinaria, bloccando la capacità di compiere scelte.

La meditazione, spiega uno studio americano, contribuisce a sviluppare la corteccia cerebrale legata all'attenzione, alla memoria e alla concentrazione. Inoltre sembra rallentare l'invecchiamento delle cellule.

 

 

 

 

 

 

La Storia

Nel quinto secolo d.C. sulle pendici del monte Shao Shi, nella provincia di Ho Nan, fu costruito un tempio a cui venne dato il nome di Shao Lin Szu ossia "tempio della giovane foresta" (Lin significa appunto Foresta). All'inizio del secolo successivo arrivò al tempio il monaco indiano Bodhidarma (Ta Mo in cinese) introduttore del buddhismo in Cina.

 

Ta Mo

Il Tempio si trovava in una zona remota e i suoi abitanti erano esposti ad attacchi dei banditi e animali feroci. Così i monaci cominciarono a praticare il Kung Fu per difesa personale. Gli attrezzi agricoli utilizzati quotidianamente divennero delle armi. Non avendo delle attrezzature per allenarsi svilupparono così delle tecniche utilizzando gli oggetti disponibili. Da questi umili inizi nacque un programma di addestramento semplice, ma intenso, che ancora oggi caratterizza il Kung Fu Shao Lin. (Kung Fu in cinese antico significa Esercizio eseguito con abilità).

Ta Mo insegnò ai monaci gli esercizi fisici e respiratori destinati a ridare vigore ai corpi provati dalle lunghe meditazioni e a facilitare il conseguimento dell'unità fra spirito e corpo.

Nell'undicesimo secolo Yueh Fei, un famoso eroe cinese, mise a punto i tradizionali otto esercizi di ginnastica (Pa Tuan Chin) che vengono ancor oggi eseguiti dai praticanti di arti marziali tradizionali cinesi. Egli creò anche uno stile esterno che porta il suo nome e uno stile più morbido che secondo alcuni avrebbe dato origine allo Hsing I Chuan (pugilato della forma e della mente), uno dei tre principali stili appartenenti al gruppo Nei Chia. Secondo la tradizione popolare il Tai Chi Chuan fu creato dal famoso monaco taoista chiamato Chang San Feng il quale visse e insegno' in un luogo caro ai taoisti, il monte Wu Tang nella provincia Hu Pei. Secondo molti testi egli sarebbe nato verso la fine della dinastia Sung (960-1279) e morto all'inizio della dinastia Ming (1368-1644). Narra una legenda che Chang San Feng,

 

Chang San Feng

esperto di arti marziali, ebbe modo un giorno di assistere al combattimento tra una gru ed un serpente. Quest'ultimo si sottraeva ai secchi e rettilinei colpi di becco dell'uccello con movimenti morbidi, sinuosi, lenti e continui, ma poi contrattaccava con fulminea rapidità.
Il monaco comprese allora che i movimenti circolari e continui sono preferibili a quelli rettilinei e interrotti. Si rese anche conto che in un combattimento la morbidezza e la flessibilità prevalgono sulla durezza e sulla forza come tanti secoli prima aveva già insegnato il filosofo Lao Tzu. Egli applicò allora questi principi alle arti marziali creando così il Tai Chi Chuan. Secondo un'altra leggenda, invece, Chang San Feng avrebbe imparato il Tai Chi Chuan durante un sogno.

Nel tempo l'evoluzione del Tai Chi Chuan portò il diramarsi di diversi stili. Nei primi decenni del 1800 il Tai Chi Chuan era insegnato solo a pochi allievi dai membri della famiglia Chen che vivevano in un villaggio chiamato Chen Chia Kou nella provincia di Ho Nan. Coloro che ebbero il merito di diffondere in cina il Tai Chi Chuan furono però i membri della famiglia Yang.
Il primo di essi si chiamava Yang Lu Chan (1799-1871).

Poiché i membri della famiglia Ch'en non accettavano estranei fra gli allievi, Yang Lu Chan ricorse allo stratagemma di farsi assumere come servitore dal maestro Ch'en Ch'ang Hsing (1771-1853) e per molto tempo spiò le sue lezioni allenandosi poi segretamente nelle ore notturne.Fu infine scoperto dal maestro, ma questi, stupito per l'abilità dimostrata dal giovane e astuto domestico, decise di accettarlo come allievo. In breve Yang Lu Chan divenne il migliore di tutti; trasferitosi a Pechino aprì una scuola e iniziò a insegnare la sua arte al pubblico. Fu sfidato da molti praticanti di altre arti marziali che erano gelosi della sua popolarità, ma nessuno riuscì mai a vincerlo. Per questo motivo gli venne dato il soprannome di Wu Ti che significa "senza rivali". Fu anche chiamato a insegnare, insieme ai suoi figli, ai nobili della corte dei Ch'ing e alle guardie imperiali; questo fatto ebbe ovviamente una notevole importanza per la diffusione del Tai Chi Chuan.

Yang Lu Chan aveva tre figli; uno di essi morì giovane, ma gli altri due, Yang Pan Hou (1837-1892) e Yang Chien Hou (1839-1917) contribuirono non poco alla fama della sua scuola.

Infine Yang Cheng Fu (1883-1936), figlio di Yang Chien Hou, viaggiando instancabilmente, diffuse la sua arte in tutta la Cina. E' importante sottolineare che Yang Cheng Fu, come d'altra parte i maestri che lo avevano preceduto, insegnava in pubblico il Tai Chi Ch'uan esclusivamente come una forma salutare di esercizio fisico. Per questo motivo e per permettere una pratica agevole anche alle persone anziane, egli mise a punto forme abbreviate e semplificate della cosiddetta "forma lunga".

 

 

Yang Lu Chan

Yang Chian Hou

Yang Cheng Fu

 

 

 

 

La Filosofia

La parola Tai Chi Chuan è composta da tre ideogrammi


Tai: alto, massimo, estremo
Chi: sommità, la trave più alta, polo
Chuan: si traduce con metodo marziale


Molteplici possono essere le interpretazioni letterali di questi tre ideogrammi.
Personalmente dò il seguente significato al Tai Chi Chuan:

"Combattimento del Supremo"

Questo concetto ricorda le origini marziali di quest’arte, caratterizzata dalla ricerca dell’armonia e dell’equilibrio di Yin e Yang sia all’interno del microcosmo (individuo) che in rapporto al macrocosmo (universo).

Con Yin e Yang, la filosofia taoista, indica le due forze opposte che governano l’intero universo, la cui armonia deriva proprio dallo stato di equilibrio dinamico in cui esse si trovano. Queste due forze si manifestano in vari modi e sotto varie forme, come ad esempio il nero e il bianco, il femminile e il maschile, la terra e il cielo, l’acqua e il fuoco, il basso e l’alto, la difesa e l’attacco, e così via in una successione di coppie infinite.

Nella pratica del Tai Chi Chuan ad ogni movimento verso l’alto si contrappone un movimento verso il basso; ad ogni movimento in avanti, un movimento indietro, e così via in un perfetto equilibrio ed una totale armonia degli opposti.

L’efficacia del Tai Chi Chuan, come arte marziale, nasce proprio dal perfetto equilibrio di Yin e Yang sia nei movimenti esterni che negli organi interni. Tale equilibrio permette quello scorrimento di energia (“Qi” o “Chi”) grazie alla quale il praticante esperto, con facilità e morbidezza, potrà neutralizzare avversari anche muscolarmente più forti e potenti.

A questo riguardo cito un vecchio detto che ricorda:


“La miglior difesa è … Non esserci!”


“Non esserci” significa: Non essere alla portata dell’avversario. Cioè essere ad “un millimetro” fuori dal suo campo d’azione.
Espandere questo concetto non solo alle azioni fisiche, ma alle parole, ai pensieri, all’animo, renderà invincibili, perché … intoccabili, irraggiungibili!

 


Per capire bene il Tai Chi Chuan, è necessario, prima, comprendere il significato del “Chi”.
Il Chi è l'energia o la forza naturale che permea e dinamizza l'universo.

Ci sono tre principali tipi di Chi:
· il Chi del cielo (dell'universo) che include le forze che le stelle esercitano sulla terra; la luce, il calore del sole e la luna.
· Il Chi della terra specifico ed influenzato dall'energia del cielo.
· Il Chi dell’ uomo, a sua volta influenzato dagli altri due.


Quando il Chi o un campo energetico perde il suo bilanciamento, esso tende spontaneamente a riorganizzarsi per ristabilirlo.
Ogni individuo ha il suo campo energetico il quale è sempre in movimento per potersi equilibrare. Quando la vita di un individuo perde definitivamente il proprio bilanciamento allora sopraggiunge la malattia.
Si capisce quindi che tutte le cose della natura, uomo incluso, crescono assieme e sono influenzate dai cicli naturali della terra e del cielo. Poiché noi stessi facciamo parte della natura (Tao) dovremmo comprendere ed accettare questa nostra appartenenza adattandoci ad essi.

 


Riassumendo:
il Chi è l'energia e questa energia si trova nell'universo, nella terra e in tutti gli esseri viventi. Differenti tipi di Chi interagiscono uno con l'altro e si trasformano incessantemente. P
roprio questo processo di trasformazione rivitalizzerà e riprodurrà, l’energia stessa; creando così un ciclo continuo e sempre più potente.

L'energia si manifesta e si rappresenta con Yin e Yang. La pratica del Tai Chi Chuan è il modo migliore per rafforzare ed equilibrare in noi l'energia. Studiando e praticando il Tai Chi Chuan s'impara a proteggersi dalle influenze negative della natura, a rinforzare la circolazione energetica e a rallentare l'invecchiamento del corpo acquistando così, non solo buona salute, ma anche una vita più lunga e più serena.

 

 

 

Approfondimento

Pagina dedicata agli Allievi che praticano il "Pa Tuan Chin" e a tutti coloro che desiderano approfondire la teoria e la filosofia orientale.


Pagina Principale

 

 


Visitatore N°